Sicurezza Stradale: allarme sull’uso prolungato delle mascherine alla guida

La polizia: conducente nell’incidente di NJ potrebbe essere svenuto per aver indossato la maschera N95 troppo a lungo

Un dipartimento di polizia del New Jersey ha recentemente affermato, a seguito del manifestarsi di una serie di incidenti stradali dove il conducente, solo alla guida, perdeva il controllo del proprio veicolo con conseguenze anche letali e senza una ragione apparente. Difatti, analizzando i casi la polizia ha ritenuto ci possa essere una correlazione tra la perdita dei sensi del conducente per effetto dell’uso prolungato della mascherina utilizzata per proteggersi dal COVID-19 e il sinistro stradale che ne procurava il decesso. 

In particolare, il dipartimento di polizia di Lincoln Park ha dichiarato in un post su Facebook che un autista, che era rimasto vittima di un incidente stradale, aveva indossato “la maschera medica N95 per diverse ore“. Il funzionario precisava in particolare che il conducente apparentemente sembrava svenuto al volante, probabilmente “a causa dell’assunzione insufficiente di ossigeno/assunzione eccessiva di anidride carbonica“.

La polizia Lincoln Park Police Department ha, nella circostanza, escluso qualche altra ragione di natura medica che avrebbe potuto contribuire alla perdita di coscienza del conducente, così come non vi erano riscontri circa il consumo di droghe o alcol. 

Molto chiaramente il Dipartimento ha ricordato che pur non essendo loro dei medici e di conseguenza non potendo tecnicamente affermare circa la correlazione tra la perdita di coscienza e l’uso prolungato della mascherina alla guida, pur tuttavia ritengono doveroso riferire che “pur non conoscendo la storia clinica di tutti coloro che incontrano” per ragioni di servizio, ma “conduce indagini sulla scena dell’incidente usando l’addestramento, l’esperienza e le osservazioni sulla scena per determinare una causa“, di fatto hanno riscontrato questa possibilità.

Evitare l’uso prolungato delle mascherine N95

Sicuramente non sono in grado di certificare la correlazione tra l’uso della mascherina N95 e l’incidente stradale ma comunque, è corretto che richiamino l’attenzione nell’uso corretto dei dispositivi in questo contesto di emergenza sanitaria COVID-19, sottolineando il fatto che “le mascherine dovrebbero essere utilizzate in pubblico per aiutare a prevenire la diffusione di COVID-19, non sono necessarie all’aperto se è possibile mantenere le distanze sociali e non sono particolarmente necessarie quando si guida un veicolo senza occupanti aggiuntivi“.

Non è difficile ammettere la non necessità di indossare le protezioni individuali per COVID-19 quando si è soli alla guida di un veicolo anche perchè non se ne comprende il motivo, anzi, le considerazioni fatte dal Dipartimento di Polizia del New Jersey, inducono proprio al ripensamento all’utilizzo scriteriato, come nel caso di impiego al chiuso, nello spazio ristretto di una automobile e magari anche con i finestrini chiusi! La mascherina già di per sè riduce l’afflusso di aria per cui occorre comprendere che il suo utilizzo deve essere correlata alla effettiva necessità di proteggersi dal contagio che può avvenire solo attraverso la presenza ravvicinata di un’altra persona o per contatto con superfici contaminate. Non vi è prova che il virus viaggi nell’aria.

Fonte: www.6abc.com

©2020 IPS - I Professionisti della Sicurezza - Cod. Fisc. 93209680870 - il portale di informazione e formazione dal mondo della sicurezza e per la polizia locale

Contattaci

Hai domande, desideri informazioni, inviaci una mail e ti risponderemo al più presto.

Sending
or

Log in with your credentials

Forgot your details?