Mamme, attente all’olio di palma!

 

Ancora notizie negative sull’olio di palma!

Un gruppo di esperti  scientifici  dell’EFSA sui contaminanti  della catena alimentare (CONTAM), ha valutato l’impatto sulla salute di particolari sostanze, glicil esteri degli acidi grassi (GE), che si formano durante le lavorazioni alimentari, soprattutto nella raffinazione degli oli vegetali a temperature superiori a 200 gradi.

Nell’olio di palma sono stati riscontrati elevati livelli di queste sostanze.

Questi esperti hanno asserito che ci sono evidenze sufficienti per affermare che il glicidolo, precursore del GE, sia genotossico e cancerogeno.

I più esposti al rischio sono i bambini, a partire dai tre anni di età, compresi gli adolescenti, in quanto principali consumatori  di prodotti da forno, biscotti, grissini, cracker, fette biscottate, dolci e torte,  che rappresentano le maggiori fonti di queste sostanze.  A preoccupare di più il team di esperti dell’EFSA è l’esposizione ai GE dei neonati che si alimentano esclusivamente di alimenti per lattanti, perché i livelli di possono essere di 10 volte superiori  a quelli considerati a basso rischio per la salute pubblica.

La buona notizia è che diverse industrie alimentari stanno eliminando l’olio di palma dai loro prodotti. È notizia di pochi giorni fa che una famosa catena di distrubuzione ha eliminato completamente l’olio di palma dai prodotti del suo marchio.

Perciò  oggi diventa più facile evitarlo.

Alla luce di queste nuove evidenze, oggi più che mai, occhio agli ingredienti dei prodotti con cui alimentiamo i bimbi….. e non solo!

 

©2019 IPS - I Professionisti della Sicurezza - Cod. Fisc. 93209680870 - il portale di informazione e formazione dal mondo della sicurezza e per la polizia locale

Contattaci

Hai domande, desideri informazioni, inviaci una mail e ti risponderemo al più presto.

Sending
or

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti